Stipsi, consigli utili.


Ho scelto di scrivere questo articolo per cercare di conoscere meglio un disturbo gastrointestinale comune in molti italiani: la stipsi o stitichezza. Cominciamo con il darle una definizione, la stipsi è una sintomatologia e non una patologia, che coinvolge molti soggetti di diverse età e sesso. Nelle donne vi è una prevalenza maggiore, ma non è da sottovalutare negli anziani e anche nei bambini. Ne possono essere colpite anche le donne in gravidanza, in particolare durante l’ultimo periodo della gestazione. E’ un disturbo che porta ad avere difficoltà ad espellere le feci dall'ultimo tratto dell’intestino. Un soggetto può essere considerato stitico quando per 3-4 giorni consecutivi ha avuto difficoltà o non è riuscito ad evacuare. Spesso in soggetti costipati le feci sono dure e si ha la sensazione di non essersi completamente svuotati. Se non andiamo in bagno tutti i giorni non significa che soffriamo di stipsi, ma semplicemente che il nostro organismo ha trovato un equilibrio diverso, è infatti ritenuto regolare un soggetto che va in bagno tutti i giorni, un giorno sì e uno no ogni due giorni…. Di regola è fisiologico andare di corpo almeno 3 volte a settimana. Ma dove e perché avviene la costipazione? La parte di intestino coinvolta è l’intestino crasso, il quale assorbendo ulteriormente acqua dai cibi arrivati a questa parte dell’intestino, produce poi prodotti di scarto, le feci, che grazie a movimenti e contrazioni muscolari sono espulse dal nostro organismo. Se le contrazioni rallentano si può avere difficoltà a defecare. Le motivazioni possono essere molteplici, tra cui situazioni patologiche come diverticolosi, diabete, malattie infiammatorie intestinali, ma vediamo le più ricorrenti:

  • Stile di vita sedentario

  • Alimentazione monotona o povera di fibre

  • Assunzione di poca acqua

  • Età

  • Sesso

  • Gravidanza

  • Uso eccessivo di lassativi

Per migliorare e prevenire questa situazione è fondamentale cambiare il proprio stile di vita, praticando regolarmente attività fisica, migliorando l’assunzione di fibre e la propria idratazione. Attenzione l’assunzione di fibre non deve essere “sconsiderata”, infatti, l’eccesso può causare ulteriore gonfiore, flatulenza ed esacerbare il disturbo, ma di questo parleremo prossimamente. Le linee guida raccomandano di avere un apporto di fibre pari a 25-30g al giorno. Ma dove e quali fibre dobbiamo assumere? Le fibre si distinguono in solubili e insolubili, le prime creano una sostanza gelatinosa perché si sciolgono in acqua, le seconde passano inalterate. Il loro scopo è quello di aumentare la massa fecale per favorirne l’espulsione. Le troviamo tipicamente in frutta, verdura, semi di lino e Chia, cereali integrali (quelli veri!! Non quelli dove si trova aggiunta la crusca), legumi e frutta secca.

Esistono semplici accorgimenti che possono aiutare in caso di stipsi:

  • Appena svegli bere 2 bicchieri di acqua a temperatura ambiente

  • Mangiare 2 kiwi maturi tutte le mattine, oltre a garantirci buona fonte di vitamina C, ci offrono fibre utili a migliorare il transito

  • La sera prima di andare a letto bere l’acqua dove abbiamo lasciato in ammollo 2-3 prugne disidratate (senza zuccheri e oli aggiunti, mi raccomando!), magari leggermente tiepida vista la stagione e mangiare le prugne.

  • Fare colazione con il Chia Pudding ricco di fibre e nutriente. Clicca qui per la mia ricetta.

Spero che questo articolo ti sia stato utile. Queste informazioni hanno carattere generale e informativo.

Bibliografia:

  • Effects of β-Fructans Fiber on Bowel Function: A Systematic Review and Meta-Analysisonte. Jan de Vries , Cindy Le Bourgot, Wim Calame and Frédérique Respondek.

  • Review Whole Fruits and Fruit Fiber Emerging Health Effects Mark L. Dreher Nutrition Science Solutions, LLC, Wimberley, 78676 TX, USA.

  • National Istitute of diabetes and digestive and kidney diseases: Digestive diseases, Constipation.

#stipsi #stitichezza #fibreedieta #costipazione

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguimi
  • Facebook Basic Square
  • Grey Instagram Icon

Contatti

Seguimi su Facebook

Seguimi su Instagram

Dott.ssa Serafina Cardaci

M: serafinacardaci@gmail.com

T: 3473750087

Studio in via Edilio Raggio 73

Via G.Mazzini 100

Novi  Ligure (AL)

15067-Italia

 

P.IVA 02528460062

P.IVA 02528460062